Tag

, , , , , , , , , ,

foto trovata qui

foto trovata qui

Hasta luego (arrivederci) va bene per congedarsi in qualsiasi situazione, tranne all’uscita di una farmacia.

•Che per quanto la nostra parte razionale possa tenerla a bada, ci sarà sempre un momento in cui la sensazione di spreco della propria vita, della propria giovinezza e del proprio amore sarà più forte -anche se dura solo un momento.
Ergo: la razionalità non vince.

•Quando in una città straniera si iniziano a incontrare per strada persone che conosci, il mondo diventa più piccolo.

•Quando si riesce a sorridere delle proprie cotte se ne è un po’ più fuori.
E grazie al cielo ne ho riso di gusto.

•L’appetito è la caratteristica che mi rende riconoscibile anche a me stessa.
Quando mi sparisce l’appetito non mi passa mai il tempo (che detto così è buffo, ma il cibo e il pensiero dello stesso mi riempiono le giornate :-), so che mi manca qualcosa, so che qualcosa non va come dovrebbe e, ogni volta (sì, vabbe’, mi è successo poche volte), mi chiedo se tornerò mai come prima.

•Mettete un ragazzo in mezzo a tante ragazze e diventerà il feticcio del gruppo.
No, davvero, innestate un ragazzo (giovane e appetibile) in un gruppo di ragazze e vedrete come verrà spupazzato, tocchicciato, abbracciato, sbaciucchiato e importunato in modi pseudo-innocenti e simil-simpatici.

•Il problema dei paesi o dei popoli che hanno una lingua molto parlata nel mondo (inglese, spagnolo,…) è che pensano di poter tradurre nella propria lingua la qualsiasi, il che mi sembra una vaga dimostrazione di delirio di onnipotenza -e una certa mancanza di rispetto della diversità.
Ora… La necessità di cantare il testo di Moon River in spagnolo?

•A me Almodóvar non piace.
Ci ho girato intorno per anni, perché con certi mostri sacri pare che non si possa avere un’opinione diversa dall’osannazione, ché Almodóvar è l’europeo apprezzato in America, ché Almodóvar è il regista che celebra le donne (ma anche i trans, se è per quello). Bah, dopo lungo ragionare, sapete cosa vi dico?
Credo di poter vedere altre decine di film di Almodóvar -perché ne ho visti pochi, ché se mi fossero piaciuti forse ne avrei incrementato il numero -e avere sempre la stessa sensazione alla visione dei suoi film: quella netta sensazione di presa per il culo.
Secondo me, il motivo per cui è apprezzato in America è perché non lo capiscono o perché credono che ci sia qualcosa da capire (ma non ci arrivano comunque a capire cosa) e perché ha una passionalità mediterranea che non appartiene agli anglosassoni e che, anzi, a loro fa tanto pittoresco, o conoscitore dell’animo umano, o Gran Maestro del Cinema.

•Con una sciarpa avvolta a proteggere i capelli dal vento, riesco a sentirmi dire Salam Aleikum, io: pelle pallida e tratti europei -io, a Valencia.
Comunque è stato spassosissimo!

•L’attesa, l’improvvisazione del momento, la spontaneità simulata e la speranza di qualcosa fanno fare delle figuracce che, guardate, non vedo l’ora di avere nipoti per raccontargliele.
Tipo che incontro un ex compagno di classe, gli chiedo se va dove sto andando io (un incontro settimanale fisso) e lui mi dice no… Evidentemente metto su una faccia interrogativa (mentre in realtà chiedevo a me stessa cosa cavolo dirgli ancora) e lui mi spiega dove sta andando e a incontrare chi -informazioni che non gli avrei richiesto, cioè, non è che saluto le persone che conosco per strada per impicciarmi sui loro movimenti.
Vabbe’, le figure meschine raccontate non hanno la stessa vividezza della realtà, comunque sul momento mi sono sentita molto Hugh Grant in uno dei suoi tipici personaggi impacciati. Oh, sì, mooolto Hugh Grant, solo meno figo.

•La mia faccia, evidentemente, comunica al resto della popolazione mondiale messaggi che sono al di fuori del mio controllo.

•Credo che uno dei motivi per cui non sono fidanzata è che, da innamorata, sarei una piattola insopportabile. “Sì, amore”, “Quello che vuoi tu, amore”, “Per me è uguale… Amore”, “Che bello che sei… Tesoro”. Sì, temo che sarei così. Così come temo che i maschi single che si aggirano nei miei paraggi lo subodorino e lo rifuggano come la peste.
Se voglio trovarmi un uomo devo sviluppare un carattere capriccioso e altalenante, definetely, ché ai maschi piace combattere per avere meno di quello che avrebbero facilmente.
Mmmm, qualcuno ha tirato una frecciatina?

•In me la frustrazione non si accumula.
In me, la frustrazione, scoppia.
E quando scoppia, ecco, presente il napalm? Ecco, figuratevelo in deflagrazione in uno spazio ristretto (tipo, la mia persona -sì, mi piace ancora crederla ristretta)… Esatto, così.

Annunci