Tag

, , , ,

Succede a tutti, dopo aver fantasticato per settimane, per anni, come per reazione al pensare troppo con una certa logica, che un giorno vediamo una cosa, un volto, un abito, una persona felice, e d’un tratto ci rendiamo conto che i nostri sogni non si avvereranno mai, che quella ragazza non ci verrà mai concessa, quella tale posizione mai ottenuta.

Il mio nome è Rosso, Orhan Pamuk

 

immagine dalla rete

 

Non era bene pensare, non era bene nemmeno provare dei sentimenti. Lucy rinunciò a capire se stessa, e si unì al grande esercito degli ottenebrati, che non seguono né il cuore né il cervello, e marciano verso il loro destino sotto le insegne del luogo comune. Quell’esercito pullula di anime buone e pie. Ma si sono arrese all’unico nemico che conti, il nemico interiore. Hanno peccato contro la passione e la verità, e si affannano veramente dietro la virtù. Col passare degli anni, diventano oggetto di critica. La loro bontà, la loro pietà, mostrano le crepe, la loro arguzia diventa cinismo, il loro altruismo ipocrisia; dovunque vadano, provano e producono malessere. Hanno peccato contro Eros e contro Pallade Atena, e sarà il normale corso della natura, non un intervento celeste, a vendicare quelle divinità alleate.

Camera con vista, Edward M. Forster

Annunci